Visit Piazza Armerina

Welcome to #PiazzaArmerina

  

PIAZZA ARMERINA AND THE ROMAN VILLA

Welcome to Piazza Armerina!

We are in the very heart of Sicily, about 700 metres above sea level in the southern Erei mountains.

Located in the province of Enna (and since September 2015 included in the area of ​​the metropolitan city of Catania), Piazza Armerina has more than 22.000 inhabitants and hosts the diocese.

It is also famous as the “City of Mosaics” of the well-known Villa Romana del Casale: discovered in the Fifties, with its sixty rooms and 3500 m² of perfectly preserved floor mosaics, the Villa has been part of the UNESCO World Heritage since 1997 and it is an essential moment of all the tours of Sicily, with around 600.000 visitors per year.

Built on an ancient farmstead, a legacy of the Arab domination, the Villa belonged to a powerful Roman family between the III and IV century A.D. and is an extraordinary testimony of the life of the times. Among the most iconic (and most photographed) mosaics you can admire the one of the “girls in bikini”, ten athletes – called palestrite – who perform in honor of the goddess Teti in various gymnastic competitions. This extraordinary mosaic has acquired worldwide resonance also for a lucky coincidence: in the years in which the Villa was discovered the fashion of the bikini was exploding. The New York Times then titled an article which alluded to the fact that the first bikinis in history were precisely those represented in the mosaics of the Villa Romana del Casale.

Since then, the astonishing room of the palestrite with the “first bikinis of history” is the most famous of the Villa, and together with the splendid Gymnasium, the majestic corridor of the Great Hunt and the many other mosaics completely intact will leave you breathless: room after room , you will be able to read inside the Villa Romana del Casale the history and the stories woven in the mosaic tiles. An immersion in art and beauty that you will hardly forget!

 

THE HISTORIC CENTER OF PIAZZA ARMERINA AND ITS “HUNDRED CHURCHES”

Piazza Armerina is not only the Villa Romana del Casale: at about 4 km from the UNESCO site you can infact visit the marvelous historic center of the city, one of the largest and richest in Sicily, which preserves an enormous artistic heritage, mainly Norman and Baroque.

It is assumed that the city has Greek origins, but its history has certainties only from Norman domination onwards, in reference to the 1163 reconstruction carried out by Guglielmo II, two years after the destruction perpetrated by Guglielmo I d’Altavilla.

Normans, Swabians, Angevins, Aragonese: many peoples and many dominations have made the history of Piazza Armerina, and this is evident in the proofs offered by the historic center.

The dialect spoken in Piazza is also a legacy of the ancient northern dominations: the characteristic Gallo-Italic dialect is very different from the typical Sicilian dialects and similar to those of the northern regions.

Moreover, it is no coincidence that Piazza Armerina is also known as the “City of the Hundred Churches”, of which many are still existing and can be visited: you will be struck by the variety of these churches, dating back to different historical and artistic periods.

This is linked to the origins of the name “Piazza Armerina”, which derives from “Piazza delle Armi (Square of Weapons)”: the city was infact the place where knightly orders gathered during the period of the crusades to organize the Holy War. Piazza, for its centrality in Sicily, had a fundamental logistic role, also because it was connected by the Gela river to the homonymous port from which the Crusades started. Thus, each knightly order had its own church in Piazza Armerina.

 

THE CATHEDRAL, DUOMO SQUARE AND THE TRIGONA PALACE

 

Start your visit of the historic center of the town from the beautiful Cathedral in mixed Gothic, Mannerist and Baroque style, dedicated to Maria Santissima Delle Vittorie, patroness of Piazza Armerina, whose construction lasted almost a century, from 1604 to 1719. If you arrive in Piazza Armerina by car it is impossible not to notice the profile of the Cathedral, which stands on the historic center with its typical ocher sandstone, hard to work but resistant to the centuries and the weather.

On Piazza Duomo there is also Palazzo Trigona della Floresta, an ancient palace with enchanting ceramic floors that houses the Museum of the City and the Territory and temporary exhibitions, as well as the offices of the Villa Romana del Casale.

 

THE MOST ANCIENT CHURCHES

One of the oldest churches in Piazza Armerina is the Grand Priory of Sant’Andrea of ​​the Order of the Knights of the Holy Sepulcher, founded in the early decades of the 1100, with medieval frescoes dating from the twelfth to the fifteenth century. The church is located just outside the historic city center and enchants with its sober beauty, typical of the era. The Church of St. Martin of Tours and the Commendam of the Knights of Malta, also marvelous in its medieval simplicity, date back to the 12th century. The Church of the Carmine dates back to the 14th century, with a Gothic-Catalan bell tower, while with the Church of S. Stefano, located on the other side of the road respect to the Commenda, we arrive at the end of the 16th century. This Church is characterized by the splendid façade with baroque decorations, visible from the side window of the Commendam: if you find it open, you can enjoy a truly special view of Santo Stefano.

 

THE CHURCH OF SAN GIOVANNI: THE “SISTINE CHAPEL” OF SICILY

Evidence of the variety of the churches in Piazza Armerina, opposite to the sobriety of the medieval churches there is the splendor of the Church of S. Giovanni Evangelista, dating back to 1615. As simple as the exterior is, as rich is the interior, completely frescoed by the Flemish painter Borremans. The generosity of its frescoes has earned the Church of San Giovanni the reputation of “Sistine Chapel of Sicily“: inside you won’t avoid standing upright, admiring its magnificence.

 

THE CHURCH OF SAN VINCENZO

In the complex of the former Dominican convent (today the bishop’s seminary), you can admire the Church of San Vincenzo, dating back to the early seventeenth century: the baroque stucco interior and the coffered wooden ceiling are truly marvelous.

 

THE CHURCH OF SAN ROCCO

The Church of San Rocco, located right next to the Town Hall of the City, dates back to the same period of San Vincenzo (1613) and is characterized by the rib vault bell tower and the baroque portal.

 

THE CHURCH OF SAN PIETRO

Just outside the historic center, but easily reachable by feet, is the Church of S. Pietro (built in the 17th century on a previous factory) with the recently restored monastery. Walking in its beautiful frescoed cloister is an almost mystical experience.

 

THE CHURCH OF SANT’ANNA

Going further in time, we return to the historic center with the Church of Sant’Anna, built in the first half of the 18th century, very particular for its curved baroque façade and the double staircase. Recently the church has been reopened after many years of closure, and it houses suggestive artistic installations.

 

THE CHURCH OF THE MADONNA OF THE SNOW

Let yourself be amazed by the Church of the Madonna of the Snow (Madonna della Neve), dating back to the second half of the seventeenth century: it has a simple facade but inside it surprises with a baroque stucco decoration.

These are just some of the many wonderful churches of Piazza Armerina: get ready to discover more by walking through the streets of the historic center!

 

THE PINACOTECA AND THE MUSEUMS OF SIMPA (PIAZZA ARMERINA MUSEUM SYSTEM)

Since 2010 in Piazza Armerina there is the SiMPA (Piazza Armerina Museum System) which includes several museum sites in the historic center, all with free entry.

Inside this circuit you can visit the Garibaldi Theater, dating back to the 1700, a typical example of Italian theater, a hidden gem in the historic center of the town; the Farmer’s House Museum (Casa Museo del Contadino) and the Permanent Exhibition of the Sulfur Culture (Mostra permanente della Civiltà dello Zolfo), both in via Garibaldi, to plunge into the past country and working life of the area; the Municipal Pinacoteca, where among the various artworks you can admire the portrait of Prospero Intorcetta, a Piazzese Jesuit, famous for being the first in Europe to translate the works of Confucius; the Diocesan Museum; the Palio dei Normanni Museum and the Permanent Exhibition of the Ancient Book, housed in the library of the former Jesuit college, annexed to the Church of Sant’Ignazio.

 

 

 

 

THE ARAGONESE CASTLE AND THE FOUNT OF THE FOUR CANALS

Do not miss the Aragonese Castle, dating back to the 1300, located in the historic center, two steps from the Duomo, and the fount of the Four Canals, located in the homonymous district, with its ancient medieval wash house.

THE PALIO OF THE NORMANS

August is the hottest month for Piazza Armerina, and not just for the weather! From the 12th to the 14th of the month there is the traditional Palio of the Normans (Palio dei Normanni), the most important medieval historical re-enactment of Southern Italy. If you want to experience the atmosphere and the most authentic tradition of the city you can’t miss it!

The Palio originated between the end of the seventeenth and the beginning of the eighteenth century, when the confraternities of Piazza organized the first historical procession in honor of Maria Santissima delle Vittorie, patroness of Piazza Armerina and its diocese. The procession was inspired by the holy liberation war that the Normans of Count Ruggero d’Altavilla fought in the 11th century against the “Saracens”, the Arabs who occupied Sicily.

The Palio or “the ride” (as it is still often called by the Piazzesi) is an integral part of the identity of Piazza Armerina and strongly heart-felt by its inhabitants, between history, faith and legend.

In the three days of Palio you will find yourself absorbed in a festive and evocative medieval atmosphere, including figurants, warriors and drums, in which the four historic quarters of the city (Monte, Castellina, Canali, Casalotto) will compete for the victory.

 

CULTURE AND NATURE

Art, history, beauty, Piazza Armerina is all this and more: thanks to its location at an altitude of 721 meters on the Erei mountains, between thick woods characterized by the strong presence of eucalyptus, Piazza and its surroundings also offer the possibility of regenerating nature excursions. Due to these characteristics, the territory is loved also by trekking and horse-riding enthusiasts, and by all those who want to combine a cultural holiday with an experience in contact with nature. Nearby there is also the Floristella-Grottacalda Mining Park, one of the most important examples of industrial archeology in the South of Italy.

A TASTE OF PIAZZA ARMERINA

Did you appreciate all the aspects of Piazza Armerina? Wait, it’s not over! Do not leave without first tasting its flavors, such as that of the precious local olive oil, or that of a truly unique cheese: the “piacentino ennese”, flavored with saffron. Don’t say no also to a pasta or an arancino with wild fennel, a typical aroma of the local cuisine: they will win you over at the first taste!

#PiazzaArmerina: Benvenuti!

  

PIAZZA ARMERINA E LA VILLA ROMANA DEL CASALE

Siamo nel cuore dell’entroterra siciliano, a poco più di 700 metri di altitudine sui monti Erei meridionali: benvenuto a Piazza Armerina!

Situata in provincia di Enna (e dal settembre 2015 inserita nell’area della città metropolitana di Catania), Piazza Armerina conta oltre 22.000 abitanti ed è sede di diocesi.

Molti la conoscono come la “Città dei Mosaici” della celebre Villa Romana del Casale: scoperta negli anni ’50, con le sue sessanta stanze e i 3500 m² di mosaici pavimentali perfettamente conservati, la Villa è dal 1997 parte del Patrimonio dell’Umanità UNESCO ed è una tappa imprescindibile di tutti i tour della Sicilia, con circa 600.000 visitatori all’anno.

Edificata su un antico casale, retaggio della dominazione araba, la Villa è appartenuta tra il III e il IV secolo dopo Cristo a una potente famiglia romana e costituisce una straordinaria testimonianza della vita dei tempi. Tra i mosaici più iconici (e più fotografati) potrai ammirare quello delle “ragazze in bikini”, dieci atlete – dette palestrite – che si esibiscono in onore della dea Teti in varie competizioni ginniche. Questo straordinario mosaico ha acquisito risonanza mondiale anche per una fortunata coincidenza: negli anni in cui la Villa fu scoperta stava esplodendo la moda del bikini. Il New York Times titolò allora un articolo in cui alludeva al fatto che i primi bikini della storia furono proprio quelli rappresentati nei mosaici della Villa Romana del Casale.

Da allora, la stupefacente stanza delle palestrite con i “primi bikini della storia” è la più celebre della Villa, e insieme allo splendido Gymnasium, al maestoso corridoio della Grande Caccia e ai molti altri mosaici completamente integri ti lascerà senza fiato: stanza dopo stanza, potrai leggere all’interno della Villa Romana del Casale la storia e le storie intessute nelle tessere dei mosaici. Un’immersione nell’arte e nella bellezza che difficilmente potrai dimenticare!

 

IL CENTRO STORICO DI PIAZZA ARMERINA E LE SUE “CENTO CHIESE”

Ma Piazza Armerina non è solo la Villa Romana del Casale: a circa 4 km dal sito UNESCO potrai infatti visitare il meraviglioso centro storico della città, uno dei più grandi e più ricchi di Sicilia, che custodisce un enorme patrimonio artistico principalmente normanno e barocco.

Si presume che la città abbia origini greche, ma sulla sua storia si hanno certezze solo dalla dominazione normanna in poi, in riferimento alla ricostruzione del 1163 attuata da Guglielmo II, due anni dopo la distruzione perpetrata da Guglielmo I d’Altavilla.

Normanni, Svevi, Angioini, Aragonesi: molti popoli e molte dominazioni hanno fatto la storia di Piazza Armerina, e ciò risulta evidente nelle testimonianze che offre il centro storico.

Retaggio delle antiche dominazioni nordiche è anche il dialetto parlato a Piazza, il caratteristico dialetto gallo-italico, molto diverso dai tipici dialetti siciliani e simile invece a quelli delle regioni settentrionali.

Inoltre, non è un caso che Piazza sia anche nota come la “Città delle Cento Chiese”, di cui molte sono ancora esistenti e visitabili: ti colpirà la varietà di queste chiese, risalenti a periodi storici e artistici diversi.

Ciò si lega alle origini del nome “Piazza Armerina”, che deriva da “Piazza delle Armi”: la città era infatti il luogo dove gli ordini cavallereschi si riunivano durante il periodo delle crociate per organizzare la Guerra Santa. Piazza, per la sua centralità in Sicilia, aveva un ruolo logistico fondamentale, anche perché era collegata tramite il fiume Gela all’omonimo porto da cui partivano le Crociate. Così, ogni ordine cavalleresco aveva una propria chiesa a Piazza Armerina.

 

LA CATTEDRALE, PIAZZA DUOMO E PALAZZO TRIGONA

Per visitare il centro storico della città inizia dal suo fiore all’occhiello, la bellissima Cattedrale in stile misto gotico, manierista e barocco, dedicata a Maria Santissima Delle Vittorie, la cui costruzione è durata quasi un secolo, dal 1604 al 1719. Arrivando a Piazza Armerina in auto è impossibile non notare il profilo della Cattedrale, che si erge sul centro storico dal tipico color ocra della pietra arenaria, dura da lavorare ma resistente ai secoli e alle intemperie.

Su Piazza Duomo si affaccia anche Palazzo Trigona della Floresta, antico palazzo con incantevoli pavimenti in ceramica che ospita il Museo della Città e del Territorio e mostre temporanee, oltre agli uffici della Villa Romana del Casale.

 

LE CHIESE PIU’ ANTICHE

Una delle Chiese più antiche di Piazza Armerina è il Gran Priorato di Sant’Andrea dell’Ordine dei Cavalieri del Santo Sepolcro, fondata nei primi decenni del 1100, con al suo interno affreschi medievali databili dal XII al XV secolo. La chiesa si trova appena fuori dal centro storico cittadino e incanta con la sua bellezza sobria, tipica dell’epoca.
Risalgono al XII secolo anche la Chiesa di S. Martino di Tours e la Commenda dei Cavalieri di Malta, anch’essa meravigliosa nella sua semplicità medievale. E’ del XIV secolo la Chiesa del Carmine, con campanile in stile gotico-catalano, mentre con la Chiesa di S. Stefano, situata dall’altro lato della strada rispetto alla Commenda, arriviamo alla fine del XVI secolo. Questa Chiesa si caratterizza per la splendida facciata con decori barocchi, visibile dalla finestra laterale della Commenda dei Cavalieri di Malta: se la trovi aperta, potrai godere di un punto di vista davvero privilegiato su Santo Stefano.

 

LA CHIESA DI SAN GIOVANNI: LA “CAPPELLA SISTINA” DI SICILIA

Prova evidente della varietà delle chiese di Piazza Armerina, all’opposto della sobrietà delle chiese medievali c’è lo sfarzo della Chiesa di S. Giovanni Evangelista, risalente al 1615. Tanto semplice è l’esterno quanto ricco l’interno, completamente affrescato dal pittore fiammingo Borremans. La generosità dei suoi affreschi ha fatto guadagnare alla Chiesa di San Giovanni la fama di “Cappella Sistina di Sicilia”: al suo interno non potrai evitare di stare a testa in sù, ammirandone la magnificenza.

 

LA CHIESA DI SAN VINCENZO

Nel complesso dell’ex convento dei domenicani (oggi seminario vescovile), potrai ammirare la Chiesa di San Vincenzo, risalente ai primi del Seicento: davvero meravigliosi sono l’interno a stucchi barocchi e il soffitto ligneo a cassettoni.

 

LA CHIESA DI SAN ROCCO

Allo stesso periodo (1613) risale la Chiesa di San Rocco, caratterizzata dal campanile a vela e il portale barocco, situata proprio accanto al Municipio della Città.

 

LA CHIESA DI SAN PIETRO

Appena fuori dal centro storico, ma facilmente raggiungibile a piedi si trova la Chiesa di S. Pietro (costruita nel XVII secolo su una fabbrica precedente) con l’annesso monastero recentemente restaurato. Passeggiare nel suo bellissimo chiostro affrescato è un’esperienza quasi mistica.

 

LA CHIESA DI SANT’ANNA

Andando ancora avanti nel tempo, torniamo in pieno centro storico con la Chiesa di Sant’Anna, costruita nella prima metà del ‘700, particolarissima per la sua facciata curva barocca e la doppia scalinata. Recentemente la chiesa è stata riaperta dopo molti anni di chiusura, ed è sede di suggestive installazioni artistiche.

 

LA CHIESA DELLA MADONNA DELLA NEVE

Lasciati stupire anche dalla Chiesa della Madonna della Neve (risalente alla seconda metà XVII secolo): presenta una facciata semplice ma al suo interno sorprende con una decorazione barocca a stucchi.

Queste sono solo alcune delle molte meravigliose chiese di Piazza Armerina: preparati a scoprirne altre passeggiando per le vie del centro storico!

LA PINACOTECA E I MUSEI DEL SIMPA (SISTEMA MUSEALE DI PIAZZA ARMERINA)

Dal 2010 a Piazza Armerina esiste il SiMPA (Sistema Museale di Piazza Armerina) che comprende diversi siti museali all’interno del centro storico, in cui l’ingresso è gratuito.

All’interno di questo circuito potrai visitare il Teatro Garibaldi, risalente al 1700, tipico esempio di teatro all’italiana, una gemma custodita nel centro storico della città; la Casa Museo del Contadino e la Mostra permanente della Civiltà dello Zolfo, entrambe in via Garibaldi, per fare un tuffo nel passato della vita contadina e operaia del luogo; la Pinacoteca Comunale, dove tra le varie opere potrai ammirare il ritratto di Prospero Intorcetta, piazzese gesuita, celebre per essere stato il primo in Europa a tradurre le opere di Confucio; il Museo Diocesano; il museo del Palio dei Normanni e la Mostra permanente del Libro antico, ospitata nella biblioteca dell’ex collegio dei Gesuiti, annesso alla Chiesa di Sant’Ignazio.

 

 

 

 

 

 

IL CASTELLO ARAGONESE E LA FONTE DEI QUATTRO CANALI

Da non perdere anche il Castello Aragonese, risalente al 1300, situato in pieno centro storico, a due passi dal Duomo, e la fonte dei Quattro Canali, che si trova nell’omonimo quartiere, con il suo antico lavatoio medievale.

 

IL PALIO DEI NORMANNI

Agosto è il mese più caldo per Piazza Armerina, e non solo per il clima!
Dal 12 al 14 del mese si svolge infatti lo storico Palio dei Normanni, la più importante rievocazione storica medievale del meridione d’Italia.
Se vuoi assaporare l’atmosfera e la tradizione più autentica della città non puoi perdertelo!

Il Palio dei Normanni ha origine tra la fine del XVII e gli inizi del XVIII secolo, quando le confraternite piazzesi organizzarono il primo corteo storico in onore di Maria Santissima delle Vittorie, patrona di Piazza Armerina e della sua diocesi. Il corteo si ispirava alla guerra santa di liberazione che i Normanni del Conte Ruggero d’Altavilla combatterono nell’XI secolo contro i “Saraceni”, gli arabi che occupavano la Sicilia.
Il Palio o “la cavalcata” (come è ancora oggi spesso chiamato dai piazzesi) è parte integrante dell’identità di Piazza Armerina e fortemente sentito dai suoi abitanti, tra storia, fede e leggenda.
Nei tre giorni di Palio ti troverai immerso in una festosa e suggestiva atmosfera medievale, tra figuranti, armigeri e tamburi, in cui si sfideranno i quattro quartieri storici della città: Monte, Castellina, Canali, Casalotto.

 

CULTURA E NATURA

Arte, storia, bellezza, Piazza Armerina è tutto questo e non solo: grazie alla sua collocazione a un’altitudine di 721 metri sui monti Erei meridionali, tra fitti boschi caratterizzati dalla forte presenza di eucaliptus, Piazza e i suoi dintorni offrono anche la possibilità di fare rigeneranti escursioni naturalistiche. Per queste caratteristiche il territorio è molto amato anche dagli appassionati di trekking e di equitazione, e da tutti coloro che vogliono unire una vacanza culturale a un’esperienza a contatto con la natura. Nelle vicinanze si trova inoltre il Parco Minerario Floristella-Grottacalda, uno dei più importanti esempi di archeologia industriale del Mezzogiorno.

 

PIAZZA ARMERINA DA ASSAGGIARE

Hai apprezzato tutte le sfaccettature di Piazza Armerina? Aspetta, non è finita! Non andartene senza prima averne gustato i sapori, come quello del pregiato olio d’oliva locale, oppure quello di un formaggio davvero unico: il piacentino ennese, al sapor di zafferano. Non rinunciare anche a una pasta o a un arancino al finocchietto selvatico, aroma tipico della cucina locale: ti conquisteranno al primo assaggio!

#VisitPiazzaArmerina fotografie dal territorio

I dintorni di Piazza regalano scorci meravigliosi alla scoperta di un territorio unico